SCHWAZER. LA PROCURA ITALIANA OTTIENE IL SEQUESTRO DELLE PROVETTE DI URINA

La procura di Colonia ha sequestrato il campione di urine di Alex Schwazer risultato positivo al test antidoping lo scorso primo gennaio, che portò alla squalifica del marciatore dai giochi di Rio 2016. A richiedere il sequestro, per rogatoria, è stata la procura di Bolzano. Il sostituto procuratore Giancarlo Bramante, titolare dell’inchiesta, disporra’ il dna sulle urine e incaricherà esperti di livello internazionale di svolgere analisi chimiche per arrivare a capire se la sostanza trovata possa essere stata aggiunta per incastrare il marciatore. Il pm chiederà se sia volontà anche della federazione internazionale di atletica e Wada nominare un proprio perito.

20 settembre 2016


CONDIVIDI

© RadioNBC.it - Riproduzione riservata




Primo Piano

Eventi Radio NBC