PROCESSO DOPING SUL CASO SCHWAZER, SPUNTA UNA COMUNICAZIONE CHOC TRA LA IAAF ED IL LABORATORIO DI COLONIA

Alex Schwazer 6

Ce l’avevano con me. Speravo che questa udienza fosse risolutiva, ma noi andiamo avanti. Ormai non ho più fretta e posso attendere. Lo ha detto Alex Schwazer, conversando con i cronisti durante il processo per doping a Bolzano. Nell’udienza è stata Illustrata la perizia effettuata dai Ris di Parma su incarico del Tribunale di Bolzano. Dall’esame – è stato detto – non sono emerse prove evidenti di manipolazione delle urine anche se le anomalie e gli indizi sono numerosi. La difesa dell’ ex marciatore azzurro insiste invece con la teoria del complotto e ha chiesto un approfondimento peritale. Il giudice Walter Pelino si è riservato la decisione. L’ avvocato Brandstaetter ha inoltre depositato copia di alcune email del 20 febbraio 2017 nelle quali un paio di dirigenti della Iaaf (la federazione internazionale di atletica) fanno esplicito riferimento ad un complotto ai danni di Schwazer. (fm)

14 settembre 2018


CONDIVIDI

© RadioNBC.it - Riproduzione riservata




Primo Piano

Eventi Radio NBC