VISCO “INVESTIRE IN RICERCA E ISTRUZIONE PER ACCELERARE LA CRESCITA”

Foto: Italpress ©

TRIESTE (ITALPRESS) – I ritardi in Italia nel campo della conoscenza sono tra le cause della crescita al rallentatore degli ultimi 30 anni. A evidenziarlo è il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, nel suo intervento all’EuroScience Open Forum a Trieste.
“L’emergenza Covid-19 ha colpito profondamente l’economia italiana – ha sottolineato Visco -: a metà 2020 il PIL è tornato a livelli osservati all’inizio del 1993. In termini pro capite, il PIL è sceso ai valori registrati alla fine degli anni ’80. La risposta globale di governi, banche centrali e autorità di vigilanza nella maggior parte dei paesi è stata immediata e straordinaria. Le banche centrali hanno utilizzato un’ampia gamma di strumenti per garantire condizioni monetarie più accomodanti, contrastare le tensioni sui mercati e sostenere i prestiti a famiglie e imprese. E’ essenziale che si attuino riforme volte a creare un ambiente più favorevole alle imprese, aumentando la qualità e l’efficienza dei servizi pubblici, riducendo gli oneri amministrativi e burocratici, abbassando il peso dell’evasione fiscale, della corruzione e di altre attività criminali”. Per Visco “un annoso problema in Italia è legato al basso livello di spesa in ricerca e sviluppo (R&S). L’Italia è tra i paesi con il ranking più basso dell’OCSE”.
“La bassa spesa in ricerca è accompagnata da investimenti insufficienti nell’istruzione. Per quanto riguarda la dimensione quantitativa, i dati mostrano che gli italiani non frequentano la scuola abbastanza a lungo. La dimensione qualitativa del problema educativo investe il fatto che gli studenti italiani sembrano non imparare abbastanza – sottolinea il governatore di Bankitalia -. Anche le imprese private hanno un ruolo chiave da svolgere. La loro reazione all’enorme trasformazione indotta dal progresso tecnologico e dalla globalizzazione durante gli anni ’90 si è riflessa in una richiesta di costi del lavoro inferiori, invece che in investimenti più elevati e adeguati in nuove tecnologie. Ciò avrebbe stimolato la domanda di manodopera altamente qualificata, innescando forse un circolo virtuoso di domanda e offerta di istruzione superiore”.
(ITALPRESS).

4 Settembre 2020


CONDIVIDI

© RadioNBC.it - Riproduzione riservata




Primo Piano

PARTE DA BOLZANO LA STAGIONE DI PECHINO 2022 DELLA FEDERGHIACCIO ITALIANA

Parte da Bolzano l’avventura olimpica e paraolimpica di Pechino 2022 della Federazione Italiana sport del ghiaccio. Tre giorni di eventi nel capoluogo altoatesino per gli atleti azzurri, hockey escluso, presenti campioni del pattinaggio velocità come il pinetano Pietro Sighel e il trentino Andrea Giovannini e il pattinatore di artistico meranese Daniel Grassl. Piazza Walther ha … Continua a leggere

UN NUOVO DECESSO IN ALTO ADIGE PER IL COVID

Un nuovo decesso in Alto Adige per il Covid. I nuovi casi sono 73 su poco più di 8.900 test analizzati. I pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 22, sette quelli ricoverati in terapia intensiva.

ESCURSIONISTA FERITA SULLA FERRATA PISETTA

Intervento del soccorso alpino nella valle del Sarca. Una escursionista ceca di 24 anni è stata colpita ad un braccio da una scarica di sassi mentre si trovava a circa metà percorso della ferrata Pisetta. La ferita è stata trasportata con l’elicottero all’ospedale S.Chiara di Trento.

Eventi Radio NBC

NELLA VALIGIA CHE C’E’?

RADIO NBC RETE REGIONE – LA RADIO DELLE ALPI SI COMPLIMENTA CON ELEONORA TIBALDO DI BOLZANO VINCITRICE DEL SUPERPREMIO, ANELLO IN ORO CON BRILLANTI, DEL VALORE DI € 1.190,00

SINDROME DI DOWN

In occasione della giornata mondiale della sindrome di Down (21 marzo), istituita nel 2011 dall’Onu, sono state presentate a Bolzano una serie di iniziative. 4 associazioni locali (Associazione Family Day, Provita&Famiglia, Movimento per la vita, Il Sorriso) si sono coordinate per sensibilizzare l’opinione pubblica sul rispetto dovuto a queste persone, anche in considerazione dei loro … Continua a leggere

IL VESCOVO E SAN GIUSEPPE

Nella lettera pastorale di qualche giorno fa, il vescovo di Bolzano e Bressanone Ivo Muser, ha lanciato la proposta alla Provincia di Bolzano di introdurre in Alto Adige la festa patronale il 19 marzo, festa di San Giuseppe, in sostituzione del lunedì di Pentecoste, festivo in Alto Adige. Sara’ la Provincia di Bolzano a decidere … Continua a leggere