DA BAYER UN NUOVO INTEGRATORE PER IL SISTEMA IMMUNITARIO

Foto: Italpress ©

MILANO (ITALPRESS) – Con l’aumentare dell’età, il sistema immunitario tende a indebolirsi. Che fosse importante avere un sistema immunitario forte era già noto prima dell’emergenza Covid 19, ma con la pandemia è diventato ancora più evidente. Già nel 2019 comunque, una ricerca Ipsos rivelava come il 48% degli italiani over 50 assumesse alimenti o prodotti per rinforzare le difese immunitarie e oggi, secondo Istat, gli ultracinquantenni sono il 46% della popolazione. Per aiutare proprio le persone in quella fascia d’età a supportare il sistema immunitario, Bayer ha appena lanciato un integratore, Supradyn Difese 50+, che ha come componenti un alto dosaggio di vitamina B12, Zinco, Niacina e un probiotico, Bifidobacterium animalis HN019 che contribuisce al benessere della micro-flora intestinale.
“Se chiediamo alle persone di definire l’intestino, nessuno ci dirà che è un organo immunitario, in realtà ci difende dagli agenti pericolosi esterni – ha spiegato all’Italpress il professore Lorenzo Morelli, Microbiologo e professore dell’Università Cattolica Milano – contiene infatti la maggior parte delle cellule immunitarie. Come gli altri nostri organi, invecchia. Dai 50 anni in poi diminuiscono le sue capacità di difenderci, c’è la cosiddetta immunoscenescenza. Il nostro intestino è un ecosistema composto da tantissimi componenti, fra questi ci sono i batteri. Contiene più cellule batteriche di tutte le cellule del nostro corpo assieme. Questi batteri parlano con il sistema umanitario, danno le istruzioni al sistema immunitario. E’ importante quindi fornire dei supporti quando, dai 50 in poi, anche i batteri invecchiano. Va mantenuto un equilibrio, lo si fa con una dieta equilibrata e con un corretto stile di vita, si può poi cercare di mantenere l’equilibrio anche fornendo all’intestino dei batteri specifici, i famosi probiotici, per supportare l’azione dei batteri già presenti nel nostro intestino”.
Se i probiotici sono fondamentali per il sistema immunitario, non vanno dimenticate le vitamine. Dopo i 50 infatti, per diversi motivi, come ad esempio cambiamenti nella dieta o la necessità di assumere regolarmente terapie per qualche malattia cronica, il corpo rischia di averne meno a disposizione: “Dopo i 50 anni d’età – ha detto al microfono di Italpress Michela Barichella, medico dietologo e proffessoressa dell’Università di Milano – le vitamine sono fondamentali. Abbiamo diverse modifiche nel corpo, soprattutto nella donna, ma anche nell’uomo. Le vitamine che servono dipendono dallo stile di vita, ma ci possiamo concentrare soprattutto sulle vitamine B, idrosolubili, la B12 per esempio ma anche la B3. Aumentando l’età abbiamo diete più restrittive e tendiamo quindi ad avere disponibilità minore di vitamine, inoltre diminuisce l’assorbimento delle stesse. Ecco perchè può essere utile fornire un supporto con un integratore”. “Per migliorare le difese immunitarie – ha detto poi Barichella – si può agire sull’alimentazione. Bisognerebbe assumere almeno 5 dosi, durante la giornata, di frutta e verdura. Le proteine sono importanti, meglio se di origine vegetale, come i legumi. Servono poi grassi sani, come quelli dell’olio extra vergine di oliva, un buon apporto di acqua e di fibre. Non devono poi mancare latte e yogurt”.
(ITALPRESS).

14 Ottobre 2021


CONDIVIDI

© RadioNBC.it - Riproduzione riservata




Primo Piano

REPUTAZIONE TURISTICA, TRENTINO ALTO ADIGE IN VETTA

Il Trentino Alto Adige svetta nella classifica della reputazione turistica delle regioni italiane stilata per il quinto anno consecutivo da Demoskopika. Lo schema si basa su oltre 688 milioni di pagine indicizzate, quasi 7 milioni di like e follower sulle reti sociali, poco più di 50 milioni recensioni conteggiate e ben 450 mila strutture ricettive … Continua a leggere

PRIMARIO ‘NO VAX’ SOSPESO ALL’OSPEDALE DI MERANO

Il picco di contagi e l’alto numero di ricoveri registrati nell’ultimo rapporto dell’Asl altoatesina iniziano a preoccupare la dirigenza sanitaria, visto che numeri simili non si vedevano dallo scorso aprile e che in provincia di Bolzano le persone non immunizzate sono ancora tante, anche tra i sanitari. Ieri tra i sospesi è finito anche il … Continua a leggere

ALTRO CASO DI MOBBING NELLA SANITA’ TRENTINA

Altro caso di mobbing all’interno dell’azienda sanitaria trentina. Dopo il caso di Sara Pedri, la ginecologa scomparsa a Cles nel marzo scorso al centro di presunte vessazioni sul lavoro, ora emerge, grazie alla segnalazione del consigliere provinciale di Onda Civica Filippo Degasperi, il caso di una anestetista in servizio all’ospedale S.Chiara che, in seguito ad … Continua a leggere

Eventi Radio NBC

NELLA VALIGIA CHE C’E’?

RADIO NBC RETE REGIONE – LA RADIO DELLE ALPI SI COMPLIMENTA CON ELEONORA TIBALDO DI BOLZANO VINCITRICE DEL SUPERPREMIO, ANELLO IN ORO CON BRILLANTI, DEL VALORE DI € 1.190,00

SINDROME DI DOWN

In occasione della giornata mondiale della sindrome di Down (21 marzo), istituita nel 2011 dall’Onu, sono state presentate a Bolzano una serie di iniziative. 4 associazioni locali (Associazione Family Day, Provita&Famiglia, Movimento per la vita, Il Sorriso) si sono coordinate per sensibilizzare l’opinione pubblica sul rispetto dovuto a queste persone, anche in considerazione dei loro … Continua a leggere

IL VESCOVO E SAN GIUSEPPE

Nella lettera pastorale di qualche giorno fa, il vescovo di Bolzano e Bressanone Ivo Muser, ha lanciato la proposta alla Provincia di Bolzano di introdurre in Alto Adige la festa patronale il 19 marzo, festa di San Giuseppe, in sostituzione del lunedì di Pentecoste, festivo in Alto Adige. Sara’ la Provincia di Bolzano a decidere … Continua a leggere