COVID, 183 MILA CONTAGI SUL LAVORO DALL’INIZIO DELLA PANDEMIA

Foto: Italpress ©

ROMA (ITALPRESS) – Dall’inizio della pandemia allo scorso 31 ottobre le denunce di infortunio sul lavoro da Covid-19 segnalate all’Inail sono 183.147, pari a oltre un sesto del totale delle denunce di infortunio pervenute da gennaio 2020 e al 3,8% del totale dei contagiati nazionali comunicati dall’Istituto superiore di sanità (Iss) alla stessa data.
Rispetto alle 181.636 denunce rilevate dal monitoraggio precedente del 30 settembre 2021, i casi in più sono 1.511 (+0,8%), di cui 619 riferiti a ottobre, 254 a settembre e 117 ad agosto scorsi, mentre gli altri 521 casi riguardano per il 63,5% gli altri mesi del 2021 e il restante 36,5% il 2020. Il consolidamento dei dati permette, infatti, di acquisire informazioni non disponibili nelle rilevazioni precedenti.
I casi di contagio denunciati da gennaio a ottobre di quest’anno, benchè non consolidati, sono in calo del 57,2% rispetto ai primi 10 mesi dell’anno scorso. Il 2020, con 148.216 infezioni totali denunciate, raccoglie l’80,9% degli infortuni da Covid-19 pervenuti da inizio pandemia, con i mesi di novembre (40.536 denunce) e marzo (28.671) ai primi due posti per numero di casi. Il 2021, con 34.931 contagi denunciati in 10 mesi, al momento pesa invece per il restante 19,1%. Da febbraio di quest’anno il fenomeno è in significativa discesa e i 237 casi di giugno, sebbene ancora provvisori, rappresentano il minor numero di contagi mensili registrati dall’anno scorso, sensibilmente inferiore anche al precedente minimo osservato a luglio del 2020 (con poco più di 500 casi).
Le morti sul lavoro da Covid-19 denunciate all’Inail dall’inizio della pandemia sono 782, oltre un quarto del totale dei decessi denunciati all’Inail da gennaio 2020, con un’incidenza dello 0,6% rispetto al complesso dei deceduti nazionali comunicati dall’Iss alla stessa data. Rispetto ai 762 casi rilevati dal monitoraggio dello scorso 30 settembre, i decessi sono 20 in più, di cui uno avvenuto a ottobre e i restanti 19 riconducibili ai mesi precedenti (13 avvenuti nel 2021 e 6 nel 2020). Il 2020 con 559 decessi da Covid-19 raccoglie il 71,5% di tutti i casi mortali da contagio sul lavoro pervenuti fino al 31 ottobre di quest’anno, con il mese di aprile al primo posto per numero di deceduti (195), seguito da marzo (140). Il 2021, con 223 decessi nei primi 10 mesi, al momento pesa invece per il 28,5% sul totale delle infezioni di origine professionale con esito mortale.
(ITALPRESS).

25 Novembre 2021


CONDIVIDI

© RadioNBC.it - Riproduzione riservata




Primo Piano

DA LUNEDI’ L’ALTO ADIGE SARA’ ZONA GIALLA

L’Alto Adige da lunedì sarà zona gialla. Lo ha comunicato l’assessore alla sanità Thomas Widmann, evidenziando che ormai tutti i parametri indicano in questa direzione. Widmann ha ricordato che Bolzano nei giorni scorsi aveva già anticipato le misure da zona gialla, come l’obbligo di mascherina all’aperto e di Ffp2 sui mezzi pubblici, e che per … Continua a leggere

COVID: 470 INFEZIONI IN ALTO ADIGE

Il virus continua a circolare in Alto Adige. Nelle ultime 24 ore sono accertate 470 infezioni. Non si registra nessun nuovo decesso per covid. I pazienti ricoverati sono 93, in rianimazione restano 12 malati. [fm]

CONTRATTO PUBBLICO IMPIEGO, SINDACATI TRENTINI IN PIAZZA

La maratona vaccinale in Trentino rischia di iniziare con venti di guerra. Nei giorni in cui il presidente della Provincia Maurizio Fugatti chiama alle armi il personale sanitario per poter somministrare il vaccino per 18 ore al giorno dal 4 all’8 dicembre, i sindacati del comparto chiedono al governatore di procedere subito con il rinnovo … Continua a leggere

Eventi Radio NBC

NELLA VALIGIA CHE C’E’?

RADIO NBC RETE REGIONE – LA RADIO DELLE ALPI SI COMPLIMENTA CON ELEONORA TIBALDO DI BOLZANO VINCITRICE DEL SUPERPREMIO, ANELLO IN ORO CON BRILLANTI, DEL VALORE DI € 1.190,00

SINDROME DI DOWN

In occasione della giornata mondiale della sindrome di Down (21 marzo), istituita nel 2011 dall’Onu, sono state presentate a Bolzano una serie di iniziative. 4 associazioni locali (Associazione Family Day, Provita&Famiglia, Movimento per la vita, Il Sorriso) si sono coordinate per sensibilizzare l’opinione pubblica sul rispetto dovuto a queste persone, anche in considerazione dei loro … Continua a leggere

IL VESCOVO E SAN GIUSEPPE

Nella lettera pastorale di qualche giorno fa, il vescovo di Bolzano e Bressanone Ivo Muser, ha lanciato la proposta alla Provincia di Bolzano di introdurre in Alto Adige la festa patronale il 19 marzo, festa di San Giuseppe, in sostituzione del lunedì di Pentecoste, festivo in Alto Adige. Sara’ la Provincia di Bolzano a decidere … Continua a leggere