SCHWAZER SOGNA TOKIO

Foto: Facebook

Foto: Facebook

Alex Schwazer il marciatore altoatesino, campione olimpico della 50 km a Pechino 2008, ai nostri microfoni ha ricordato la sua triste vicenda di doping con la recente sentenza che lo ha recentemente riabilitato in relazione alle accuse che portarono alla seconda squalifica.
Dopo essere risultato positivo ad un controllo antidoping alla vigilia dei Giochi olimpici di Londra 2012, Schwazer venne squalificato dal Tribunale Nazionale Antidoping fino al 29 aprile 2016. Rientrato in attività in occasione dei Mondiali a squadre di marcia 2016, vinse la 50 km ottenendo la qualificazione per i Giochi olimpici di Rio de Janeiro 2016.

Il 22 giugno 2016 venne comunicato alla FIDAL che Schwazer risultava nuovamente positivo ad un controllo antidoping su un campione di urine prelevatogli in un controllo a sorpresa il 1º gennaio 2016. Il 10 agosto 2016 il TAS (Tribunale arbitrale dello sport), considerata la seconda violazione delle norme antidoping, squalificò l’atleta per 8 anni. Nel febbraio 2021 è stata disposta l’archiviazione del procedimento penale ai danni dell’atleta per “non aver commesso il fatto”.

Usciranno prossimamente due libri sulla storia di Schwazer e un docufilm.
Il presidente del Coni Giovanni Malago’ sostiene il nostro Alex e nei prossimi giorni parlera’ della sua storia al nuovo sottosegretario allo sport Valentina Vezzali.
Dopo essere stato ospite al Festival di Sanremo, Verissimo, le Iene, Alex Schwazer e’ stato ospite di Nbc Rete Regione la radio delle Alpi, giovedì 18 marzo alle ore 8.20 in una intervista telefonica curata da Rosy Nanni.

Ascolta qui l’intervista ad Alex Schwazer

18 marzo 2021


CONDIVIDI

© RadioNBC.it - Riproduzione riservata




Primo Piano

Eventi Radio NBC