OMICIDIO DI RASUN, IL PROCESSO RIPARTE DA ZERO. LA PROCURA DOVRÀ RIFORMULARE L’ACCUSA

E’ stato subito rinviato il processo il corte d’ Assise a Bolzano a carico di Dzenana Mangafic, la donna di 58 anni, originaria di Sarajevo accusata di aver ucciso a coltellate il 4 dicembre di due anni fa l’ex coniuge Kurt Huber a Rasun di Sotto. La donna, che si e’ sempre dichiarata innocente, e’ imputata di omicidio volontario aggravato dai futili motivi e dalla premeditazione. Gli avvocati difensori Andreas Tscholl e Angelo Polo hanno pero’ ottenuto la dichiarazione di nullita’ dell’atto di citazione a giudizio per indeterminatezza del capo d’imputazione in cui non era indicata la condotta dell’imputata per la premeditazione dell’omicidio. Il fascicolo torna dunque dal giudice delle indagini preliminari per una nuova citazione a giudizio con un capo d’imputazione modificato. (mda)

Ascolta l’intervista all’avvocato Andreas Tscholl


19 novembre 2018


CONDIVIDI

© RadioNBC.it - Riproduzione riservata




Primo Piano

Eventi Radio NBC