NUOVA OPERAZIONE ANTIDROGA DEI CARABINIERI A TRENTO. 18 ARRESTI

Una maxi operazione antidroga dei carabinieri in val di Fiemme ha portato all’arresto di 18 persone. Punto di appoggio dove venivano confezionate le dosi di droga era un bar di Castello Molina di Fiemme, che di sera, abbassate le saracinesche, diventava luogo di smercio di droga. Sono state calcolate in circa un migliaio le cessioni di cocaina compiute in otto mesi nelle valli di Fiemme, Fassa e Cembra da parte di una presunta banda di trafficanti, sgominata dai carabinieri di Trento nel corso di un’operazione che ha portato all’esecuzione di 18 ordinanze di custodia cautelare. Per 16 l’accusa è di associazione a delinquere ai fini di spaccio. La cocaina – secondo quanto accertato dai carabinieri – veniva fornita ad alcuni spacciatori della val di Fiemme da un gruppo di presunti narcotrafficanti operanti a Rozzano, nel milanese. Dalle indagini dei carabinieri è risultato che come base logistica dove poter stoccare la cocaina e confezionare le dosi era stato scelto un bar situato a Castello Molina di Fiemme, il cui gestore, Paolo Girardi, è stato arrestato. Secondo l’accusa, il gestore aveva appositamente indirizzato le telecamere di sicurezza installate all’esterno del bar sui parcheggi e sulla strada antistante per poter rilevare in tempo reale l’eventuale arrivo dei corrieri. (mda)

Ascolta l’intervista al maggiore dei carabinieri di Cavalese Enzo Molinari


20 novembre 2018


CONDIVIDI

© RadioNBC.it - Riproduzione riservata




Primo Piano

Eventi Radio NBC