IL MESSAGGIO DELLA CROCE NELL’OMELIA DEL VESCOVO AD INIZIO QUARESIMA

vescovo quaresima

Il coraggio di rinunciare a qualcosa e di condividere, la volontà di riconciliarsi senza rimandare, il messaggio della croce, che elimina la paura verso persone di altre religioni: sono alcuni passaggi significativi dell’omelia del vescovo Ivo Muser nel Mercoledì delle ceneri stamattina in Duomo a Bolzano.

Nella celebrazione che avvia il periodo quaresimale verso la Pasqua, il vescovo Ivo Muser ha ricordato che un rito liturgico penitenziale da solo non è sufficiente. “Serve il coraggio di rinunciare e condividere, azioni che sono espressione della vera relazione con Dio e con l’uomo.” Il presule ha poi ricordato che “la riconciliazione è il programma quaresimale più importante“ e ha esortato il singolo a non rimandare la sua conversione: “Il domani non è nelle nostre mani, e corriamo il rischio di veder accendersi in noi la guerriglia interminabile del compromesso e del doppio gioco. Ora è il momento favorevole. Oggi e adesso siamo chiamati alla riconciliazione, non domani o dopodomani.” E dunque, secondo il vescovo, “chiediamoci seriamente: con chi devo riconciliarmi? Come posso cambiare concretamente?“ Sarà questo “il cammino convinto verso la festa più importante della nostra fede.”

Infine il passaggio sul significato della croce, “il segno di riconoscimento cristiano che ci accompagna nel periodo quaresimale”, ha specificato Muser. Riscoprirlo e riviverlo vuol dire “non avere paura di persone di altre religioni e con altre visioni del mondo, non alimentare polemiche o populismi contro chi la pensa diversamente.” Nel corso della storia sono state compiute ingiustizie nel nome della croce, ha ricordato Muser, “ma il messaggo della croce non deve essere una dichiarazione di guerra. Nel nostro pensiero, nel nostro parlare e nl nostro agire noi cristiani dobbiamo orientarci alla non violenza e all’amore di colui che è vissuto, morto e risorto per tutti.” In caso contrario, ha concluso il vescovo, “la croce sarebbe solo un segno esteriore e inefficace di tradizione e cultura.”

Mercoledì delle ceneri
Il Mercoledì delle ceneri segna l’inizio della quaresima, il periodo liturgico di conversione e penitenza rituale che dura 40 giorni in preparazione alla Pasqua. In questo mercoledì si compie il rito dell’imposizione delle ceneri: i sacerdoti impongono sulla fronte o sul capo dei fedeli un po’ di cenere, a simboleggiare la polvere che l’uomo diventerà, e anche come esortazione alla conversione. La formula che si recita è infatti “Ricordati che sei polvere e in polvere ritornerai” oppure “Convertiti e credi al Vangelo”. A essere bruciate e ridotte in cenere sono le palme e i rami d’olivo benedetti in occasione della domenica delle Palme dell’anno precedente.

14 febbraio 2018


CONDIVIDI

© RadioNBC.it - Riproduzione riservata




Primo Piano

Eventi Radio NBC