IN ALTO ADIGE SI VENDONO PIU’ CASE AGLI STRANIERI

Nel quartiere Clarina, con un dispensario sanitario. Nell'edificio anche l'ufficio del "fiduciario", spazi commerciali e sedi per alcune associazioni di volontariato
CONSEGNATI OGGI DALL'ITEA I 48 ALLOGGI DI VIA GRAMSCI
L'assessore Leveghi: "A Trento lavori in corso per 950 alloggi e 1.100 programmati"
Nella foto: le nuove case ITEA

Trento, 12 maggio 2003
(Foto: Ufficio Stampa - US)

In Alto Adige sono in aumento gli acquirenti stranieri di seconde case, soprattutto tedeschi, malgrado i prezzi più alti per metro quadrato, che ad Ortisei possono arrivare anche fino a 11.000 euro. Lo dicono i dati dello studio Engel & Volkers sui prezzi degli immobili, che certificano una considerevole domanda per seconde case esclusive nella regione. Le proprietà indipendenti hanno raggiunto prezzi d’acquisto fino a 5 milioni di euro e circa il 60% degli acquirenti proviene dall’Italia. I clienti dalla Germania costituiscono invece il più grande gruppo straniero di compratori, seguito dagli austriaci, che cercano in particolare nuovi edifici e appartamenti ristrutturati con parcheggio, non disdegnando però gli chalet con giardino o terrazza. A Brunico e dintorni, ad esempio a Corvara, si trovano appartamenti di proprietà fino a 9.000 euro al metro quadro, mentre le proprietà indipendenti hanno raggiunto dei prezzi fino a 3,5 milioni di euro. Altre aree popolari sono Badia, Sesto Pusteria e San Candido, dove sono soprattutto le famiglie con bambini ad investire nel settore immobiliare. Anche qui gli acquirenti dall’Italia sono dominanti, intorno al 75%, mentre la maggior parte dei compratori esteri proviene dalla Germania. A Merano e dintorni, il 60% degli acquirenti proviene dall’estero, soprattutto tedeschi, austriaci e svizzeri. In località come Maia Alta i prezzi massimi hanno raggiunto un totale di 4.700 euro al metro quadro

18 febbraio 2019


CONDIVIDI

© RadioNBC.it - Riproduzione riservata




Primo Piano

Eventi Radio NBC