BOLZANO. IL GIOVANE PROFUGO ADAN FU STRONCATO DA UN’EMBOLIA

sediarotelle

E’ stata un’embolia provocata da gocce di grasso entrate in circolo nel sangue ad uccidere il 7 ottobre dello scorso anno Adan Hussein, il profugo curdo iracheno disabile giunto a Bolzano con la famiglia che aveva deciso di abbandonare i Paesi del nord ove la loro richiesta di asilo non era stata accolta. Sulla morte del ragazzino la Procura di Bolzano ha aperto un’inchiesta per verificare eventuali responsabilità colpose da parte dei medici dell’ospedale di Bolzano che si occuparono del caso. Ieri, nel corso di un incidente probatorio, i periti d’ufficio hanno segnalato che durante le poche ore di ricovero in ospedale non fu possibile giungere ad una diagnosi corretta che avrebbe potuto salvare la vita al ragazzino. (fm)

17 maggio 2018


CONDIVIDI

© RadioNBC.it - Riproduzione riservata




Primo Piano

Eventi Radio NBC